Categorie

Archivio mensile

Navigazione

Per i sogni di Akira Kurosawa

Scritto da: Roberta il 17-04-2008 - 01:29 am

Così non c'è più festa
delle bambole
nè pesco in fiore
ma un tunnel tenebroso
ti aspetta per non farti più
tornare indietro
che non puoi
tornare avanti
nella tormenta
dormire
un sogno bianco
ghiaccio ti resta
un manto
volo d'angelo
avvolgente
forse così ti salvi
da quella bolgia dell'inferno
che costruiamo
contro mulini ad acqua
il vento soffia
rosso e viola
di cesio
solo un bambino ancora
spia il matrimonio
delle volpi
e cammina alla casa
dell'arcobaleno
per supplicare
chè una punizione
è già compiuta:
anche la mamma
ha dovuto serrargli
il suo portone.

Ricordo
come un cane ringhioso
terrifico
ritorno nel tunnel
e non ritorno
dalla guerra di morte
non poter
tornare a quella luce
nella valle
che aspetta
ancora un ricordo
doloroso e senza scampo
abbaio
che porta avanti e indietro
ad una stessa
via d'uscita
poter morire
e non morire
per dei ricordi buoni
così sembra
al posto dell'acqua
dove i mulini girano
a festa
quando una vita giusta
torna e resta
alla sua natura,
su ogni pietra
di un incidente
fiori, è un fiore
di cimiteri
il mondo
sconosciuti
se anche
la prima favola si perde
il nonno è certo
la vita è entusiasmante
i fiori
tramandano il messaggio
così il nodo
d'amore
un fiore chiama
un altro fiore
un'altra mano
scrive la pietra
una nuova sempre
antica leggenda.

Di morti bimbi
i giovani
si piange
non succedeva spesso
al mondo
dei semi di lino
dove i colori sono
i pennelli ancora di Van Gogh
certo perchè non passeggiare
nei sogni e nei disegni
come l'allegro spazzacamino
ancora dateci
lasciateci covoni
che entrino negli occhi
e prendano qualcosa
messi distese bionde
e verdeggianti
dal fondo del cuore
per lasciarlo

appeso
da occhi a occhi
un girasole
se non sublime
sulla tela
senza tagliarsi un
orecchio che
già sordi
ai tempi nostri
cominciarono a tagliarlo
a un Getty's junior
così dateci ancora
tutta la natura
dei colori
e lasciamoci, preghiamo
anche i colori
della natura
per quei mostri
di denti di leone
qualche atto di orrenda
contrizione
da vaudeville
forse non serve
per quei bambini
alle mamme che non sanno
dove fuggire
per quei bambini
tutti
delle favole belle
e delle brutte.

Perchè bambole e petali
tornino rosa
a danzare
una pioggia
che il sole trafigge
e un bimbo attraversa
in cammino nel bosco
a cercare un segreto:
perchè le volpi
furbe
celebrano nascoste
i matrimoni?

Dissolvono nel sogno
i danzatori
magici
attori a mantenere
vivo un segreto
e lasciano un nuovo ramo
fiorito
per il bimbo buono
che ha pianto
il suo pescheto in fiore:
speriamo nel perdono
laggiù alla casa
dell'arcobaleno,
rendiamo onore Akira
Kurosawa.

Da "Siamo radici d'acqua"



Nessun Commento

    Nessun commento inviato


Scrivi un commento

Nome
Email
(non viene mostrta al pubblico)
URL
(scrivi anche http://)
CODICE DI VERIFICA
Commento