Categorie

Archivio mensile

Navigazione

Nel giardino di Godot (2)

Scritto da: Roberta il 23-02-2016 - 09:27 pm

Ugo:
-Pan, umile e senza pretese
si accontentò di vivere
dei prodotti della terra
nella campagna d’Arcadia.
Si dice che Pan fosse nato così brutto
deformato da corna, barba
coda e gambe da capro
che sua madre – ninfa o capra chissà, o figlia di Crono e di Rea?-
fuggì atterrita, mentre Ermete lo portò
sull’Olimpo per far divertire gli Dei.
Pan, fratellastro di Zeus,
Pan visse in Arcadia,
dove pascolava le greggi e allevava le api,
partecipava alle veglie
di ninfe montane
e aiutava i cacciatori
a snidare la preda.
Pigro e di buon carattere
nulla gli piaceva di più
della siesta pomeridiana
e si vendicava di chi
andava a disturbarlo
lanciando dal fondo di una grotta
o dal folto di un bosco
Un urlo tale
da far rizzare i capelli in testa.
Pan seduttore di ninfe
R.- di Eco e Eufeme
e si vantava di essersi accoppiato con tutte le Menadi ubriache di Dioniso
sulle vette delle montagne.
U.- Un giorno tentò di sedurre
C.- la casta Piti, che riuscì a sfuggirgli
trasformandosi in un albero di fico
U.- e Pan se ne appese al collo un ramo,
a guisa di scapolare. Un giorno inseguì
M.E.- la Ninfa Siringa dal monte Liceo fino al fiume Ladone,
dove la Ninfa si trasformò in giunco
U.- e allora recise molti giunchi per trovarla tra gli altri
e con quelli fabbricò lo zufolo.
A.- sedusse Selene, mascherando
il proprio nero pelo caprino
sotto un vello bianco.
U.- Gli Dei disprezzavano Pan
per i suoi modi rozzi,
ma da lui imparavano molte cose.
Pan è un dio morto
nei nostri tempi ? (2continua)



Nessun Commento

    Nessun commento inviato


Scrivi un commento

Nome
Email
(non viene mostrta al pubblico)
URL
(scrivi anche http://)
CODICE DI VERIFICA
Commento