Categorie

Archivio mensile

Navigazione

Nel Parco

Scritto da: Roberta il 19-06-2015 - 08:03 pm

Mi hai riportato nel Parco, lungo tornanti boscosi, nel verde protetto, di ritorno da un momento di morte; al risveglio della tua sete di vita. Guidi sicuro le strade delle nostre montagne abruzzesi alte, strette, tortuose sfiorano paesi, costeggiano prati, le cime incombono, valli si chiudono e dopo un roccione ci sorprendono distese, il lago di Scanno si placa di riflessi verdi, azzurri, argentati di questo sole di giugno che spalanca il cielo dopo il temporale.
Il fiume si inabissa nelle gole.
Abbiamo incontrato processioni che hanno ritmato le nostre soste, tovaglie bianche ricamate stese ai balconi di ferro battuto, leggere sulle mura di pietra. Bambine al seguito del Corpus Domini vestite da Prima Comunione, paesani in festa, drappi, fiori, canti.
Sul belvedere di Barrea si stende il ricordo di lontane vacanze di neve, un focolare, gli amici, la nostra voglia di vivere insieme e mi sembra di riconoscere la casa e il desiderio.
A Scanno su una piazzetta irregolare , dietro un albero maestoso si nasconde una chiesetta medievale di calce grigia, poggiata come da un Santo contadino. Dentro una Madonna d’oro d’aura giottesca.
Vega zampetta a bere alla fontanella, noi mangiamo nella trattoria aperta sulla strada funghi porcini profumati di erbette.
Ci avventuriamo alla ricerca del mitico pastore Gregorio su per la montagna e troviamo la sua fattoria e i formaggi, mentre ormai famoso imprenditore č in giro per il mondo.
Mi porti lungo il Parco sicuro, respiriamo, siamo foglie verdi, gorghi di fiume, vento nel silenzio, cuori che ritrovano il battito, occhi che sorridono profondi.



Nessun Commento

    Nessun commento inviato


Scrivi un commento

Nome
Email
(non viene mostrta al pubblico)
URL
(scrivi anche http://)
CODICE DI VERIFICA
Commento